dio della pioggia

La pioggia per le persone in tempi diversi era di particolare importanza. Ha aiutato a coltivare cibo, a raccogliere acqua da bere, ecc. Ecco perché il dio della pioggia era una figura significativa nella vita e nella cultura di molte nazioni, e ognuno aveva la sua divinità. Furono venerati, misero idoli e eressero templi.

Dio della pioggia Maya

Chuck era originariamente un dio della pulizia della foresta e solo dopo un po 'divenne il patrono della pioggia, dei tuoni e dei fulmini. Il nome nella traduzione significa "ascia". Caratteristiche distintive: naso lungo e serpenti agli angoli della bocca. Hanno raffigurato Chuck con la pelle blu. Gli attributi principali sono un'ascia, una torcia o vasi con acqua. Le tribù Maya riverivano Chuck non solo come un dio, ma anche in quattro ipostasi che sono legate alle parti del mondo e si differenziano per il colore della pelle: est - rosso, nord - bianco, ovest - nero e sud - giallo. Fino ad ora, in Yucatan si è svolta una cerimonia speciale per causare la pioggia, e si chiama "chachak".

Dio della pioggia tra gli slavi

Perun rispose non solo per la pioggia, ma anche per il tuono e il lampo. Esteriormente, è un uomo adulto con un fisico forte. I suoi capelli sono grigi, i suoi baffi e la barba sono d'oro scuro. Vestito in armatura dorata Perun. La sua arma è una spada e un'ascia, ma soprattutto usa il fulmine. Si muove su un cavallo di fuoco o un carro. Le case di Perun furono poste su un'altura, e gli idoli erano fatti principalmente di quercia, come questo albero è il suo simbolo. I tori gli hanno portato dei sacrifici.

Il dio della pioggia dei Sumeri

Ishkur risponde non solo per la pioggia, ma anche per il tuono, le tempeste e il vento. Fondamentalmente, questo dio è associato a caratteristiche negative e spesso lo chiamava "toro selvaggio di rabbia". Lo chiamano l'analogo di Perun. Spesso lo ritraevano tenendo in mano un'accetta e un fascio di catodi. Sulla sua testa c'erano quattro corna. Ishkura è stato ritratto come in piedi su uno scudo militare. Nell'iconografia con questo dio, è stato associato un toro, personificante indomabile e fertile.

Written by

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

78 − = 70