Le proteine ​​della soia sono buone o cattive

La soia è un prodotto con una ricca storia, perché questa pianta è stata elevata al rango di cibo in diversi paesi e in diversi continenti con ampi intervalli di tempo.

Già nel 5 ° secolo aC. e. i cinesi sapevano che per costruire muscoli il nostro corpo ha bisogno di proteine ​​molto e può essere ottenuto da una varietà di prodotti, tra cui la soia. Come allora, e oggi produce latte, formaggio, salse, ma la proteina di soia è dannosa o utile, eppure è necessario capire.

I benefici della proteina di soia

Prima di tutto, consiste nella completa assenza di colesterolo, che non si può dire sulla proteina di origine animale, e questa composizione aminoacidica supera notevolmente questa proteina. Oltre alle proprietà nutrizionali e utili, può essere notato e l’effetto terapeutico della soia. Contiene geneteina, acidi fitici e isoflavonoidi, che prevengono lo sviluppo del cancro, incluso l’armonia-dipendente. La proteina di soia è utile alle donne durante la menopausa, poiché previene lo sviluppo dell’osteoporosi e aiuta a ridurre le manifestazioni negative della menopausa.

La lecitina nella proteina normalizza il lavoro delle cellule nervose e cerebrali, migliora l’attenzione, il pensiero, la memoria e attiva anche i processi di combustione dei grassi, che rende possibile l’uso di questo prodotto nella lotta all’obesità. L’isolato di proteine ​​di soia è incredibilmente utile agli atleti e ai bodybuilder che lo usano per costruire massa muscolare, e beneficio proteico della soiarecupero del corpo dopo l’allenamento.

Nocivo per il prodotto

Tuttavia, l’isolato di proteine ​​di soia non è solo benefico, ma anche dannoso. Vi sono informazioni che gli isoflavonoidi simili agli estrogeni influenzano negativamente il sistema endocrino, violando la secrezione di testosterone negli uomini e nei bambini maschi che rallentano la pubertà. Nelle ragazze, al contrario, provoca questo processo in anticipo. Inoltre, le opinioni sono espresse sul fatto che queste sostanze sopprimono l’attività e la crescita delle cellule cerebrali. Tuttavia, con un consumo moderato, queste conseguenze possono essere ridotte a zero.

Written by

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

46 − 36 =