resezione ovarica

Nella ginecologia operativa, i medici spesso devono eseguire la resezione ovarica abbastanza spesso. Le indicazioni per questa operazione sono di solito una varietà di malattie ovariche: cisti follicolari, teratodermoidi e formazioni endometrioidi, ovaie policistiche e altre. Il momento in cui la resezione della cisti, entrambe le ovaie o una di esse è stata effettuata da una laparotomia, cioè quando è stata effettuata un'incisione lunga alcuni centimetri, è già nel passato. Naturalmente, un tale intervento è stato accompagnato da traumatizzazione per il corpo femminile. Inoltre, gli effetti della resezione ovarica si manifestarono sotto forma di stress, complicazioni frequenti e il periodo postoperatorio durò a lungo.

Metodi moderni di resezione ovarica

Tutte le grandi aree della medicina moderna si rivolgono a un metodo come laparoscopia e la ginecologia non fa eccezione. I vantaggi non possono essere discussi: i pazienti tollerano facilmente la procedura, il periodo postoperatorio è ridotto, le complicazioni sono estremamente rare. Inoltre, per le donne, l'effetto cosmetico è di grande importanza - invece di una lunga cicatrice brutta ci sono alcune piccole cicatrici che si dissolvono abbastanza velocemente.

La laparoscopia viene solitamente eseguita in anestesia generale, quindi la donna non ha dolore. L'essenza della procedura è che attraverso 3-4 incisioni nell'addome, le donne sono introdotte tubi trocar - metallo cavo. Attraverso di loro, quindi inserisci la videocamera e gli strumenti necessari. Un trocar serve a nutrire il gas, che solleva il peritoneo, rendendo più libero l'accesso alle ovaie. Con l'approccio dell'intervento chirurgico, i medici sono costantemente osservati. La stessa asportazione non viene eseguita con un bisturi, che può ferire accidentalmente i tessuti circostanti, ma con un leggero elettrocoagulatore o un coltello elettronico. La corrente consente di bloccare immediatamente il sanguinamento, quindi non sono necessari punti aggiuntivi. Dopo l'escissione, i tessuti interessati vengono rimossi e la cavità addominale viene drenata dal chirurgo con tamponi iniettati attraverso il trocar. Quindi l'aria e tutti gli strumenti vengono rimossi.

Periodo postoperatorio

Le sensazioni dolorose dopo la resezione sono praticamente assenti. Per prevenire complicanze e come trattamento aggiuntivo dopo resezione ovarica, una donna assume antibiotici e, se necessario, antidolorifici. Una settimana dopo, tutte le cuciture vengono rimosse, ma per altri sette giorni dovresti andare alle medicazioni per trattarle con antisettici.

Complicazioni dopo resezione della laparoscopia ovarico includono azione anestesia, lesioni accidentali da trocars amministrazione, lesioni vascolari, infezioni, sieroma o ematoma, aderenze, ernia postoperatoria e febbre. Inoltre, dopo la resezione, l'ovaio può ferire, ma presto passa.

Importante sapere

La natura ordinò che l'ovaia destra nelle donne sviluppasse più della sinistra. C'è più follicolo lì, e la circolazione del sangue è migliore. resezione di entrambe le ovaiePertanto, la resezione dell'ovaio destro in termini di successiva concezione è più pericolosa della resezione dell'ovaio sinistro. Ma anche in caso di resezione dell'ovaio "base", le possibilità di gravidanza raggiungono il 70%, che è parecchio.

Nei casi in cui è richiesta un'asportazione minima del tessuto ovarico, i chirurghi ricorrono alla resezione a cuneo delle ovaie, poiché questo metodo è tra i più parsimoniosi.

Prima di dare il consenso a tale intervento chirurgico, non sarà superfluo per essere esaminato da diversi esperti, ascoltare le loro opinioni e trovare la soluzione più ragionevole per la vostra situazione, perché la possibilità di diventare una madre non dovrebbe essere perso a qualsiasi età.

Written by

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

+ 87 = 97

resezione ovarica

Nella ginecologia operativa, i medici spesso devono eseguire la resezione ovarica abbastanza spesso. Le indicazioni per questa operazione sono di solito una varietà di malattie ovariche: cisti follicolari, teratodermoidi e formazioni endometrioidi, ovaie policistiche e altre. Il momento in cui la resezione della cisti, entrambe le ovaie o una di esse è stata effettuata da una laparotomia, cioè quando è stata effettuata un'incisione lunga alcuni centimetri, è già nel passato. Naturalmente, un tale intervento è stato accompagnato da traumatizzazione per il corpo femminile. Inoltre, gli effetti della resezione ovarica si manifestarono sotto forma di stress, complicazioni frequenti e il periodo postoperatorio durò a lungo.

Metodi moderni di resezione ovarica

Tutte le grandi aree della medicina moderna si rivolgono a un metodo come laparoscopia e la ginecologia non fa eccezione. I vantaggi non possono essere discussi: i pazienti tollerano facilmente la procedura, il periodo postoperatorio è ridotto, le complicazioni sono estremamente rare. Inoltre, per le donne, l'effetto cosmetico è di grande importanza - invece di una lunga cicatrice brutta ci sono alcune piccole cicatrici che si dissolvono abbastanza velocemente.

La laparoscopia viene solitamente eseguita in anestesia generale, quindi la donna non ha dolore. L'essenza della procedura è che attraverso 3-4 incisioni nell'addome, le donne sono introdotte tubi trocar - metallo cavo. Attraverso di loro, quindi inserisci la videocamera e gli strumenti necessari. Un trocar serve a nutrire il gas, che solleva il peritoneo, rendendo più libero l'accesso alle ovaie. Con l'approccio dell'intervento chirurgico, i medici sono costantemente osservati. La stessa asportazione non viene eseguita con un bisturi, che può ferire accidentalmente i tessuti circostanti, ma con un leggero elettrocoagulatore o un coltello elettronico. La corrente consente di bloccare immediatamente il sanguinamento, quindi non sono necessari punti aggiuntivi. Dopo l'escissione, i tessuti interessati vengono rimossi e la cavità addominale viene drenata dal chirurgo con tamponi iniettati attraverso il trocar. Quindi l'aria e tutti gli strumenti vengono rimossi.

Periodo postoperatorio

Le sensazioni dolorose dopo la resezione sono praticamente assenti. Per prevenire complicanze e come trattamento aggiuntivo dopo resezione ovarica, una donna assume antibiotici e, se necessario, antidolorifici. Una settimana dopo, tutte le cuciture vengono rimosse, ma per altri sette giorni dovresti andare alle medicazioni per trattarle con antisettici.

Complicazioni dopo resezione della laparoscopia ovarico includono azione anestesia, lesioni accidentali da trocars amministrazione, lesioni vascolari, infezioni, sieroma o ematoma, aderenze, ernia postoperatoria e febbre. Inoltre, dopo la resezione, l'ovaio può ferire, ma presto passa.

Importante sapere

La natura ordinò che l'ovaia destra nelle donne sviluppasse più della sinistra. C'è più follicolo lì, e la circolazione del sangue è migliore. resezione di entrambe le ovaiePertanto, la resezione dell'ovaio destro in termini di successiva concezione è più pericolosa della resezione dell'ovaio sinistro. Ma anche in caso di resezione dell'ovaio "base", le possibilità di gravidanza raggiungono il 70%, che è parecchio.

Nei casi in cui è richiesta un'asportazione minima del tessuto ovarico, i chirurghi ricorrono alla resezione a cuneo delle ovaie, poiché questo metodo è tra i più parsimoniosi.

Prima di dare il consenso a tale intervento chirurgico, non sarà superfluo per essere esaminato da diversi esperti, ascoltare le loro opinioni e trovare la soluzione più ragionevole per la vostra situazione, perché la possibilità di diventare una madre non dovrebbe essere perso a qualsiasi età.

Written by

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

− 3 = 4