i monociti sono normali nelle donne

Uno degli indicatori importanti, determinati nell'analisi del sangue, è il livello dei monociti nel sangue. I monociti sono una specie di leucociti. Questi sono i globuli più grandi e attivi che producono il midollo osseo rosso. Insieme al flusso sanguigno, i monociti immaturi entrano nei tessuti del corpo e degenerano in macrofagi. La funzione principale di questi elementi del sangue è la distruzione e l'assorbimento di microrganismi patogeni che sono penetrati nel corpo e l'eliminazione dei resti di cellule morte. In connessione con il fatto che i monociti svolgono un lavoro così responsabile, sono chiamati "custodi del corpo". Sono i monociti che diventano un ostacolo alla formazione di trombi e cellule cancerose. Inoltre, i monociti sono coinvolti nel processo di emopoiesi.

La norma dei monociti nel sangue

Per sapere se i valori ematici rilevati nell'analisi (incluso il livello dei monociti) corrispondono alla norma, è necessario avere un'idea della norma dei monociti negli indici assoluti.

La norma dei monociti nel sangue è compresa tra il 3% e l'11% del numero totale di leucociti o circa 400 cellule per 1 ml di sangue periferico (cioè, il sangue circola al di fuori degli organi ematopoietici). La norma dei monociti nel sangue nelle donne può essere inferiore al limite inferiore e rappresenta l'1% del numero di leucociti.

Anche il livello dei globuli bianchi varia con l'età:

  • il contenuto di monociti nel sangue di un neonato varia dal 3% al 12%;
  • all'età di due settimane il livello può raggiungere il 15%;
  • un bambino di un anno è considerato del 4-10%.

Nell'età adulta, il numero normale di monociti nel sangue supera raramente l'8%.

Cambiamento nel livello dei monociti nel sangue

Aumento dei monociti

Per aumentare il livello dei monociti in un bambino, anche del 10%, gli specialisti tendono ad essere calmi, poiché tale cambiamento accompagna i naturali processi fisiologici associati all'infanzia, ad esempio la dentizione. Il superamento della stessa quantità di monociti rispetto alla norma con un esame del sangue generale in un adulto indica un fallimento nel funzionamento del sistema circolatorio, così come lo sviluppo di una malattia infettiva, come ad esempio:

  • la tubercolosi;
  • la sifilide;
  • enteriti;
  • brucellosi;
  • lupus eritematoso;
  • artrite reumatoide;
  • micosi, ecc.

Le deviazioni nel contenuto di monociti possono segnalare lo sviluppo di una formazione maligna nel corpo. Spesso si osserva un aumento del numero di globuli bianchi nel periodo postoperatorio. Nelle donne, la causa di questo spostamento è più spesso operazioni ginecologiche.

Riduzione dei monociti

Una diminuzione del livello dei monociti è un fenomeno più raro di un aumento di questo indicatore. Non indica necessariamente lo sviluppo della malattia. Ad esempio, molte donne hanno abbassato i monociti durante la gravidanza e nel periodo postpartum. È in questo momento in seguito all'esaurimento del corpo che può manifestare anemia.

Altre cause comuni di diminuzione del contenuto di monociti nel sangue:

  • Alcune malattie infettive, in primo luogo, la febbre tifoide;
  • anemia ereditaria;
  • i monociti nel sangue sono normali

  • ricevimento di corticosteroidi e citostatici;
  • malattie associate a danni alle cellule cerebrali.

Abbassare il livello dei monociti è spesso osservato nel periodo post-operatorio durante il trapianto di organi. Ma in questo caso è causato artificialmente sopprimendo l'immunità dalle droghe per impedire al corpo di rigettare i tessuti e gli organi trapiantati.

In ogni caso, un cambiamento nel contenuto di monociti nel sangue è un motivo per sottoporsi a una visita medica al fine di identificare la causa e, se necessario, condurre una terapia appropriata.

Written by

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

2 + 5 =

i monociti sono normali nelle donne

Uno degli indicatori importanti, determinati nell'analisi del sangue, è il livello dei monociti nel sangue. I monociti sono una specie di leucociti. Questi sono i globuli più grandi e attivi che producono il midollo osseo rosso. Insieme al flusso sanguigno, i monociti immaturi entrano nei tessuti del corpo e degenerano in macrofagi. La funzione principale di questi elementi del sangue è la distruzione e l'assorbimento di microrganismi patogeni che sono penetrati nel corpo e l'eliminazione dei resti di cellule morte. In connessione con il fatto che i monociti svolgono un lavoro così responsabile, sono chiamati "custodi del corpo". Sono i monociti che diventano un ostacolo alla formazione di trombi e cellule cancerose. Inoltre, i monociti sono coinvolti nel processo di emopoiesi.

La norma dei monociti nel sangue

Per sapere se i valori ematici rilevati nell'analisi (incluso il livello dei monociti) corrispondono alla norma, è necessario avere un'idea della norma dei monociti negli indici assoluti.

La norma dei monociti nel sangue è compresa tra il 3% e l'11% del numero totale di leucociti o circa 400 cellule per 1 ml di sangue periferico (cioè, il sangue circola al di fuori degli organi ematopoietici). La norma dei monociti nel sangue nelle donne può essere inferiore al limite inferiore e rappresenta l'1% del numero di leucociti.

Anche il livello dei globuli bianchi varia con l'età:

  • il contenuto di monociti nel sangue di un neonato varia dal 3% al 12%;
  • all'età di due settimane il livello può raggiungere il 15%;
  • un bambino di un anno è considerato del 4-10%.

Nell'età adulta, il numero normale di monociti nel sangue supera raramente l'8%.

Cambiamento nel livello dei monociti nel sangue

Aumento dei monociti

Per aumentare il livello dei monociti in un bambino, anche del 10%, gli specialisti tendono ad essere calmi, poiché tale cambiamento accompagna i naturali processi fisiologici associati all'infanzia, ad esempio la dentizione. Il superamento della stessa quantità di monociti rispetto alla norma con un esame del sangue generale in un adulto indica un fallimento nel funzionamento del sistema circolatorio, così come lo sviluppo di una malattia infettiva, come ad esempio:

  • la tubercolosi;
  • la sifilide;
  • enteriti;
  • brucellosi;
  • lupus eritematoso;
  • artrite reumatoide;
  • micosi, ecc.

Le deviazioni nel contenuto di monociti possono segnalare lo sviluppo di una formazione maligna nel corpo. Spesso si osserva un aumento del numero di globuli bianchi nel periodo postoperatorio. Nelle donne, la causa di questo spostamento è più spesso operazioni ginecologiche.

Riduzione dei monociti

Una diminuzione del livello dei monociti è un fenomeno più raro di un aumento di questo indicatore. Non indica necessariamente lo sviluppo della malattia. Ad esempio, molte donne hanno abbassato i monociti durante la gravidanza e nel periodo postpartum. È in questo momento in seguito all'esaurimento del corpo che può manifestare anemia.

Altre cause comuni di diminuzione del contenuto di monociti nel sangue:

  • Alcune malattie infettive, in primo luogo, la febbre tifoide;
  • anemia ereditaria;
  • i monociti nel sangue sono normali

  • ricevimento di corticosteroidi e citostatici;
  • malattie associate a danni alle cellule cerebrali.

Abbassare il livello dei monociti è spesso osservato nel periodo post-operatorio durante il trapianto di organi. Ma in questo caso è causato artificialmente sopprimendo l'immunità dalle droghe per impedire al corpo di rigettare i tessuti e gli organi trapiantati.

In ogni caso, un cambiamento nel contenuto di monociti nel sangue è un motivo per sottoporsi a una visita medica al fine di identificare la causa e, se necessario, condurre una terapia appropriata.

Written by

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

62 − = 59