controindicazioni del tè di ivan

Fin dall'antichità, molte piante che hanno proprietà curative erano anche dotate di forze miracolose, leggende e credenze create e trasmesse di generazione in generazione. Una di queste piante è il tè di ivan (kiprei).

Il tè di Ivan è un'erba perenne, che cresce fino a 2 metri di altezza, con foglie lanceolate e infiorescenze viola porpora brillanti. Fiorisce da fine giugno a settembre. Il tè di Ivan può essere trovato in luoghi asciutti sabbiosi, lungo i bordi della foresta, nelle radure, vicino a fiumi e paletti.

La pianta è unica - con molte proprietà utili, non ha praticamente controindicazioni. Ulteriori dettagli sui benefici e sui danni del salice, consigli per il suo uso nel trattamento e nella prevenzione saranno discussi ulteriormente.

Composizione e proprietà utili del salice

Come materia prima medicinale, vengono utilizzate tutte le parti del tè di salice - steli, radici, foglie e fiori. Sulla loro base vengono preparate varie forme di preparati medicinali: tinture di alcol, infusi d'acqua, decotti, unguenti e polveri.

La composizione chimica di questa pianta è ricca e diversificata. È stabilito che il tè d'ivan è superiore agli agrumi, al ribes nero e alla rosa canina nel contenuto di acido ascorbico (vitamina C). Inoltre, la gamma di vitamine della composizione vegetale è rappresentata dalle vitamine del gruppo B e PP. Dai microelementi nel tè di ivan si scoprono:

  • ferro;
  • nichel;
  • titanio;
  • di rame;
  • manganese;
  • molibdeno;
  • potassio;
  • calcio;
  • sodio;
  • litio e altri

Anche nel tè di ivan contiene le seguenti sostanze medicinali:

  • tannino;
  • alcaloidi;
  • muco;
  • tannini;
  • pectina, ecc.

Elenchiamo le principali proprietà utili della pianta:

  • Anti-infiammatorio (il più alto indicatore di attività anti-infiammatoria tra le altre erbe medicinali);
  • avvolgente;
  • antipiretico;
  • antiossidante;
  • riparatoria;
  • emostatico;
  • tonico;
  • analgesico.

Controindicazioni all'uso del tè di ivan

Come tutte le altre piante medicinali, il tè d'ivan richiede cautela quando viene applicato. Tuttavia, le controindicazioni e gli effetti collaterali del tè medicinale di ivan, a differenza di altre erbe, hanno una quantità minima. Ciò è dovuto al fatto che il tè non è tossico e ha una composizione chimica equilibrata.

Controindicazioni di Ivan-tea comprendono maggiore sensibilità e intolleranza individuale dei componenti dei preparati preparati sulla base. In ogni caso, si consiglia di iniziare a prendere il tè di salice con dosi minime per controllare la reazione del corpo. Se non ci sono reazioni indesiderabili, al tè di Ivan è permesso di usare il necessario, specialmente sotto forma di infuso e brodo, che hanno un gusto e un aroma gradevoli e possono essere sostituiti con il tè normale.

Ma tuttavia è impossibile bere costantemente il tè di Ivan e in grandi quantità, tk. questo può influenzare negativamente lo stato del tratto gastrointestinale. In particolare, la lunga ricezione di una bevanda concentrata dal salice provoca la diarrea.

Con cura, il tè di ivan dovrebbe essere consumato da bambini, donne incinte e madri che allattano. In questi casi, prima di iniziare il tè di ivan è buono e cattivol'uso di fondi basati su questa pianta si consiglia di consultare un medico.

Tè di Ivan - raccolta di materie prime

I gambi, le foglie e i fiori della pianta vengono raccolti durante la fioritura, ad es. Possono essere raccolti quasi per tutta l'estate. Asciugarli all'ombra sotto una tettoia, assicurando una buona ventilazione. Le radici del tè di salice dovrebbero essere raccolte in autunno. Dopo aver scavato, vengono lavati, asciugati e quindi tagliati ed essiccati in un essiccatore o forno ad una temperatura di circa 20 ° C. Conservare le materie prime raccolte in sacchetti di carta o in vetro 2 - 3 anni.

Written by

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

85 − = 76